catanzaro-avellino-grassadonia-in-campo-carattere-e-organizzazione

Catanzaro-Avellino, Grassadonia: “In campo carattere e organizzazione “

  1. Homepage
  2. Notizie
  3. Catanzaro-Avellino, Grassadonia: "In campo carattere e organizzazione "
catanzaro-avellino-grassadonia-in-campo-carattere-e-organizzazione

Prosegue la preparazione del Catanzaro in vista della gara di domani sera quando, alle ore 20:45, al “Ceravolo”, arriverà l’Avellino di mister Capuano, per quella che è una partita importante per entrambe le formazioni.
In particolare per i giallorossi il cui obiettivo è di ritornare a conquistare i tre punti che non arrivano dalla vittoria casalinga contro la Virtus Francavilla dello scorso 6 ottobre. Da parte sua mister Gianluca Grassadonia è soddisfatto per questa settimana di lavoro nel corso della quale ha provato a incidere sia sull’aspetto tattico sia su quello mentale della squadra.


“Dobbiamo mettere alle spalle la partita con il Rende perché non è stata una gara positiva. Da questo punto di vista credo che i ragazzi siano pronti a voltare pagina. Tra l’altro, in questi giorni di allenamento, ho potuto conoscerli meglio lavorando duramente sul campo”. Sulle varie defezioni con cui bisogna fare i conti, il mister ha le idee chiare: “Inutile ragionare sugli assenti. Abbiamo una rosa ampia e farò affidamento su tutti coloro che chiamerò in causa, dall’inizio o nel corso della partita. Dovremo tutti dare qualcosa in più”. Una gara che mette di fronte una formazione ostica. “Sicuramente l’Avellino è reduce da tre match contro big di questo torneo – Bari, Ternana e Reggina – in cui ha dimostrato ampiamente il suo valore. E’ una compagine fastidiosa, allenata bene. Ma in questo momento più che agli avversari dobbiamo pensare a noi stessi. La nostra dovrà essere una gara caratteriale e di organizzazione. Queste sono le cose fondamentali che mi aspetto”.


E di fronte a una prevendita che va molto a rilento, il mister non intende lanciare un messaggio ai tifosi quanto alla sua squadra. “Siamo noi che dobbiamo dimostrare sul campo di meritare il loro affetto. Dobbiamo ricreare l’entusiasmo che, come sempre – ha concluso – arriva solo attraverso i risultati e le buone prestazioni”.